mercoledì 19 aprile 2017

Enogastronomia: la bondiola di Ariano Polesine

Non è la "salama da sug" tipica ferrarese cotta nel vino ecc. ecc. non è la bondola da cucinare d'estate e che richiede molte ore di cottura, è la "bondiola" morbida, quasi spalmabile, impasto tipo cotechino, ma non c'è l'appiccicoso della cotica. E' tipica del Delta del Po, Ariano, Porto Tolle, Taglio di Po (ma anche altri comuni della provincia di Rovigo): le carni magre di suino con una percentuale di grasso morbido vengono grossolanamente tritate, condite con sale, pepe macinato e in grani, aglio, vino rosso, e insaccate nella vescica di maiale o nel collo di tacchino. Sono la vescica di maiale o il gozzo del tacchino che rendono particolare questo insaccato in quando questi particolari budelli fanno si che le carni in essi contenute si mantengano morbide per lungo tempo. 
 Il bello del tutto però è che la degustazione a cui si dedica una festa, viene fatta in un posto magico che è S. Basilio con la sua chiesetta in stile Romanico dei Benedettini del IX secolo, tra le dune fossili di duemila anni fa, ai bordi del Po di Goro, immersi nella natura con i squisiti volontari che si mettono all'opera giorni prima e poi si mangia tutti insieme, all'ora prefissata, tutti insieme in un una grande tavolata.


Per il pomeriggio sono previste visite guidate alla chiesetta al centro culturale e agli scavi aperti della villa romana, pedalate ed escursioni in battello.
In locandina data, ora e modalità di iscrizione.
Personalmente sto organizzando un'allegra compagnia che dopo il pranzo voglia seguirmi andata e ritorno in bicicletta lungo l'argine del Po di Goro fino a Mesola dove in contemporanea è in atto la "Fiera dell'asparago", ottimo anche questo, ma ne parlerò in seguito. Info da me. 




giovedì 13 aprile 2017

Pasquetta in oasi alle porte del Delta del PO

Lunedì di Pasquetta SGANCIA IL CAOS, oasi aperta a tutti dalle ore 10,00, ce n'è per tutti, vedi programma.




lunedì 3 aprile 2017

Erbe officinali e commestibili del Delta del PO

Erbe, erbette, erbacce, buone da cucinare ma anche crude, riconoscimento, metodi di conservazione, estrazione dei principi attivi ad uso fitoterapico.



Cari amici vicini e lontani vi aspetto, cultura, natura, buon cibo, ma soprattutto FESTA!

domenica 2 aprile 2017

DELTA INCONTRI 2017

"Per soli uomini"

Giovedì  6 aprile prossimo a Taglio di Po nell’ambito della Rassegna “Delta Incontri – Primavera 2017” organizzata dal Comune di Taglio di Po con l’ ”Associazione Culturale Magnacharta” , “Eridano – Idee in movimento sul fiume” e “Made in Polesine Web TV”, vi sarà in Sala Europa un incontro con la Regista e scrittrice Elisabetta Sgarbi. 
Protagonista del mondo culturale italiano e fra le donne più influenti del panorama editoriale nazionale, Elisabetta Sgarbi ha guidato per anni la Bompiani prima di dare vita nel 2014 alla  nuova casa editrice La nave di Teseo insieme  ad Umberto Eco e ad altri scrittori e collaboratori che l’hanno seguita nel nuovo progetto da lei pensato e curato. 
Di sua ideazione anche la “Milanesiana Letteratura Musica Cinema Scienza”, un grande laboratorio di eccellenza nato nel 2000, e da allora da lei sempre diretto, per far incrociare saperi e conoscenze  nell’ambito dei diversi campi della cultura. A Milano sono giunti, grazie al richiamo di questa grande iniziativa, numerosi Premi Nobel per la Letteratura e la Scienza, musicisti di fama internazionale e Oscar del cinema. 
Più o meno nello stesso periodo Elisabetta ha iniziato a cimentarsi con opere filmiche e documentaristiche toccando temi legati all’arte, alla letteratura e al teatro. 
Fra i temi sviluppati in tempi più recenti quello del fiume e del Delta che Elisabetta considera una grande regione dove la vocazione all’acqua si trasforma in una lotta di sopravvivenza.  
Il lungometraggio che verrà proposto a Taglio di Po il 6 aprile si chiama “Per soli uomini”, ed è un lavoro portato a termine interamente all’interno di una Valle da pesca, Valle Cà Pisani, dove lo sguardo della regista ha indugiato su un mondo sconosciuto in cui, mentre i pesci lottano quotidianamente fra la vita e la morte, i valligiani, nel loro vagare giorno e notte ad accudire altri esseri viventi, si trasformano in veri e propri sacerdoti del fiume. 
La proiezione avrà inizio alle ore 21. 


PER SOLI UOMINI 
Produzione a cura di BETTY WRONG con Rai Cinema 
Regia di Elisabetta Sgarbi 
Soggetto e sceneggiatura di Elisabetta Sgarbi ed Eugenio Lio 
Fotografia di Andrés Arce Maldonado ed Elio Bisignani 
Montaggio di Andrés Arce Maldonado ed Elisabetta Sgarbi 
Scenografia di Luca Volpatti 
Musica di Franco Battiato 
Missaggio di Pino Pischetola 

mercoledì 22 marzo 2017

mercoledì 1 marzo 2017

XII° Notte della civetta

11 marzo 2017
12° Notte Europea delle civette.

“La Notte della Civetta” è un evento nato nel 1995 in Francia, da un’idea del celebre esperto di Civette, Jean Claude Genot e portato in Italia da Marco Mastrorilli. Un appuntamento che giunge quest'anno alla dodicesima edizione e che sta raccogliendo grandi favori da parte di un pubblico sempre entusiasta. La Notte della Civetta si svolge con cadenza biennale e si prefigge di divulgare aspetti etologici non solo di questo piccolo e simpatico predatore notturno  ma anche  per tutto il vasto universo degli Strigiformi (rapaci notturni).Oltre 50 mila persone nella stessa notte ogni due anni si ritrovano ad ascoltare gufi e civette: il frutto di uscite svolte in vari paesi europei, tra cui Francia, Belgio, Olanda, Germania, Svizzera e naturalmente l’Italia.La Notte Europea della Civetta è un momento di aggregazione popolare e una grande opportunità per far conoscere i rapaci notturni nel Nostro Paese. Il grande fascino di questo avvenimento è insito nel momento di partecipazione comune; pensare che in quella serata, sotto il medesimo cielo stellato decine di migliaia di persone conosceranno (e per molti sarà la prima volta) il mondo segreto ed  affascinante dei rapaci notturni.

Programma della serata

Appuntamento alle ore 19,00 presso “ Il Borgo 56” via Borgo 56 Papozze.

“Gli uccelli delle streghe”

Una breve lezione tenuta da un esperto ( io ) introdurrà i partecipanti nel mondo dei rapaci notturni spiegandone la biologia, le loro abitudini e le varie specie presenti nel territorio.
Al termine “civetteremo” con sfiziosità e prodotti locali elaborati dal buon Max del “Borgo 56” che accontenta vegetariani e carnivori, non mancherà il buon vino e le bevande per gli astemi, ovviamente accontenta anche i bambini che aspettiamo numerosi con i genitori, a seguire:

“Voci nella notte”

Utilizzando il playback * cercheremo di individuare le civette presenti nell’area del Borgo 56 per poi spostarci per una suggestiva passeggiata notturna nell’ Oasi WWF “Golena di Panarella”, strada facendo cercheremo anche di individuare eventuali Gufi, Allocchi, Assioli e naturalmente Civette presenti in zona.
La serata richiede un contributo organizzativo di 10 € a persona, 5 € per i bambini, compreso il buffet e altre sorprese.
Prenotazione obbligatoria : tel +39  338 1394289  - oppure +39 338 2941497 mail: terra.liberta@libero.it

*Il playback consiste nell’emissione di un canto registrato per indurre una certe specie a rispondere alla nostra stimolazione e quindi manifestarsi, con il playback aumenta la probabilità di udire la nostra specie “target”. Questa tecnica si basa sul comportamento territoriale degli Strigiformi (anche di altri uccelli): un canto registrato o un’imitazione producono un risposta canora dell’individuo che difende il suo territorio dall’intruso.






martedì 21 febbraio 2017

Aeroporto Delta


Mi piace citare questo termine “Aeroporto Delta” coniato dall’amico, eccellente ornitologo, Menotti Passarella, guida ambientale escursionistica a capo della torre di controllo di questo nostro scalo avifaunistico. A Gorino Ferrarese, suo paese natale e dove risiede, dicono di lui che non “sia nato con la camicia” ma con il binocolo al collo.
Attorno a questo aeroporto gravitano anche una serie di personaggi che quotidianamente, per passione e amore per questa terra e la sua ricca avifauna, armati di macchina fotografica tengono sotto controllo la situazione e attraverso social e mailing list avvisano e ci tengono informati sulla presenza delle varie specie. Un grazie quindi a Bruno Biscuolo, Vanni Bellettato, Marco Valente, Susanna Garfagna, Fabrizio Barbieri e tanti altri per questo loro servizio. Ed è in gran parte, proprio dall’informazione di questi signori che si viene a scoprire e osservare la presenza di specie di uccelli particolarmente rari nel Delta del Po motivo di questo post.
Ed ecco che dopo le aquile altre specie particolarmente rare per queste latitudini arricchiscono la lista degli arrivi  in questo nostro scalo, le news.

Oca del canada,    (Branta canadensisBando  (Fe),  17.02.17, Menotti Passarella